premio scenario > edizioni precedenti > edizione 2015 > finalisti >Mario De Masi    
 
2015 15a edizione
 

>> MAB ensemble
---Biancarosarossa

>> Ditta Alesse Argira
---Kitchen Stories #1: Tutto l'Amore è Clandestino


>> La Ballata dei Lenna
---Il paradiso degli idioti

>> Cerbero Teatro
---2001: odissea sulla terra

>> DispensaBarzotti
---Homologia

>> Arte Combustibile
---Scusate se non siamo morti in mare

>> Massimiliano Aceti
---Il piccolo guitto

>> Mario De Masi
---Pisci 'e paranza

>> Muré Teatro
---Courage!

>> Mad in Europe
---Mad in Europe

>> Caroline Baglioni
---Gianni

>> Industria Indipendente
---Ho tanti affanni in petto


© Gloria Soverini

>> tournée

>>rassegna stampa

>> photo gallery di © Gloria Soverini

Mario De Masi (Montefredane - Avellino)
Pisci 'e paranza

progetto e regia Mario De Masi
con Andrea Avagliano
Serena Lauro
Fiorenzo Madonna
Rossella Miscino
Luca Sangiovanni
organizzazione e tecnica Gaetano Battista

 

MARIO DE MASI
via Dei Caduti, 3 - 83030 Montefredane (AV)
cell. 320 4572156
mariodemasi@live.it
gaetano.battista2@tin.it

 

segnalazione speciale Premio Scenario 2015

Motivazione della Giuria
Un lavoro d’ensemble che attinge all’universo magmatico di un territorio contestualizzato dove un luogo di transito diventa limbo di esistenze ugualmente perdute e marginali. Il progetto rivela un attento uso dello spazio, che compone e scompone le relazioni fra i personaggi giocate su dinamiche di sopraffazione, violenza, ma anche improvvise solidarietà. La verità dei corpi e della lingua dona forza e poesia.



Lo spettacolo

Una stazione. Luogo di interconnessione fra i luoghi, motore di un movimento incessante di persone e cose. Ciò che i più semplicemente attraversano, da alcuni è abitato. Quello che per molti è un corridoio, per altri è casa. Pochi metri quadrati compendiano l’intero universo delle relazioni umane che abitano fuori, allo stesso modo in cui un acquario, piccolo o grande che sia, riproduce esattamente le dinamiche animali del mare aperto.
Come in un acquario, si muovono i pesci di paranza di questa stazione immaginaria. Piccole figure senza qualità se non quella di essere umane. Umanamente vivono l’emarginazione, umanamente ne generano altrettanta. Tanto essi subiscono lo sguardo schifato del mondo di fuori, tanto lo rigurgitano nel microcosmo che compongono. Rifiuti della società che rifiutano a loro volta, in un circolo vizioso di negazione dell'altro da sé.
In questo mondo di ultimi trova spazio la bellezza, l’ancoraggio disperato alla vita, la struggente consapevolezza della sua caducità. Acquario dalle pareti a specchio, questa società ai minimi termini non ha né capo né coda. Si nutre delle briciole che il mondo esterno le offre. Vive nei limiti che questo le impone. Il marciapiede è dunque il meraviglioso, terribile limite che è insieme tensione al superamento e divieto di transito, horror vacui e curiosità adrenalinica, insofferenza al presente e paura del futuro. Al marciapiede, significante universale dei limiti soggettivi, si contrappone la platea, luogo del giudizio comune che pretende di farsi oggettività.

La compagnia

Mario De Masi nasce ad Avellino nel 1985. Muove i suoi primi passi nel teatro frequentando l'Accademia del Teatro d'Europa, diretta da Mario Santella. Dal 2006 al 2009 è allievo del Laboratorio Stabile del Teatro Elicantropo di Carlo Cerciello. Approfondisce la sua formazione teatrale incontrando registi e formatori come Emma Dante, Paola Tortora, Salvatore Cantalupo, Anton Milenin e Orlando Cinque. Nel 2013 vince il Premio Landieri per il migliore adattamento di un testo straniero. La sua continua ricerca di una forma di teatro essenziale lo porta a cimentarsi nel suo primo lavoro di regia e scrittura di scena, Pisci 'e paranza.


 
chi siamo | storia | premio scenario | premio scenario infanzia | premio ustica per il teatro | tournees | scenario news | contatti  
  credits