premio scenario > edizioni precedenti > edizione 2013 > finalisti > Elisa Porciatti    
 
2013 14a edizione
 

>> Thon Gu
----Biscotti Integrali Per La Libertà

>> Serena Di Gregorio
---- Cinque agosto

>> Silvia Costa e Giacomo Garaffoni
---- Quello che di più grande l’uomo ha realizzato sulla terra

>> Elisa Porciatti
----Ummonte

>> Valerio Malorni
----L'uomo nel diluvio

>> nO (Dance first. Think later)
---- trenofermo a-Katzelmacher

>> Collettivo InternoEnki
----M.E.D.E.A. Big Oil

>> Fratelli Dalla Via
---- Mio figlio era come un padre per me

>> Anita Otto
---- Boy Disappears

>> Ilaria Dalle Donne
----alice disambientata

>> Beatrice Baruffini
---- W (prova di resistenza)





>> foto di Tomaso Mario Bolis

>> tournée

>> rassegna stampa

Elisa Porciatti (Siena)
Ummonte

Selezione Scenario per Ustica

scritto, diretto e interpretato da Elisa Porciatti

Elisa Porciatti
via Pian d'ovile, 12 - 53100 Siena
cell. 328 6863760
porciatti.elisa@gmail.com


 


 

menzione Premio Scenario 2013

Motivazione della Giuria
Tra ironia e commozione Elisa Porciatti ripensa con originalità il teatro di narrazione, per cercare, nell'apparente semplicità delle forme, una coralità di personaggi, raccontati con astrazione e musicalità. Nella città di Siena si assiste al fiorire di una banca e al suo tragico tracollo, mentre ci si chiede con ansia quanto manchi alla fine della finanza, della propria vita e dello spettacolo che tutto ciò racconta, in un felice mescolamento di vita vissuta e metafora.

Lo spettacolo

Tutta la storia è storia contemporanea.
Benedetto Croce


“Ummonte, mi piacciono. Le monete mi piacciono ummonte. Con la paghetta compro solo monete. Da grande voglio ummonte di soldi per comprarmi ummonte di monete.”
Sullo sfondo una città gioiello. Storica. Con una banca storica.
Tra i banchi di una scuola, tra le generazioni, nelle relazioni, passano i fatti di un grande colosso di un grande sistema, cosiddetto eco-nomico per il suo innato talento di dettare le regole nel suo ambiente.
È grande. È grande ummonte. Tiene in vita una città e sul più bello la riunisce al suo capezzale di padre agonizzante e pieno di debiti. Agonizza compostamente ma ovunque. In piazza, nelle botteghe, tra i banchi, nei letti dei giovani sposi.
Ummonte fa di conto. Impila le 20 lire del 74 di dieci in dieci. Impara, sperimenta e diventerà un grande bancario della sua città bancaria. Degno figlio di Babbo Monte. Degno figlio, quasi orfano di padre.
Zoe è fissata con le parole. Per lei i debiti sono colpe. L'asta quella di Cristo. I titoli quelli dei film d'amore. La raccolta quella della spazzatura e gli impieghi quelli dei mariti da sposare.
La borsa quella della spesa e il portafoglio quello che è caduto dalla tasca rossa con gli ultimi 65 soldi.
E il Monte? Il Monte è solo il suo amico.
Quando sarà famoso.
Per Zoe il valore è gusto, è sorridere. Senza motivo. Il valore non c'è. Si sente.
Per Ummonte il valore sale e scende, si scambia. Il valore è scritto. Quindi esiste.
Intorno a loro una città di storie. E solo una donna a raccontarle.
“Tutta la storia è storia contemporanea”, un tempo non c'è.
Non c'è tempo di chiedersi quando. Quando siano successi i fatti.
C'è uno spazio di racconto che ha sapore di passato ma, senza dichiararlo mai, è perfettamente la cronaca del presente. Un tempo di domande su come si vive il terremotarsi di un sistema garante di benessere e sicurezza. Su chi decide il valore delle cose. Su come si costruisce una storia individuale dentro uno scenario così risolto e così impermanente.
Sguardi di tanti, come tanti sguardi di ognuno di noi, su un meccanismo più grande di noi.
Creato da noi.


La compagnia

Elisa Porciatti si laurea in Economia e Commercio con una tesi dal titolo La Balanced Scorecard in scena al Teatro Verdi di Pisa e prosegue con un master in management degli eventi dello spettacolo. Dopo sei anni da impiegata in banca, si licenzia e si diploma attrice al Centro Internazionale La Cometa di Roma.

Dal 2009 fa parte del Collettivo I.T., prima come assistente alla regia di Marta Gilmore e poi come interprete nel Senza Lear, vincitore del premio Lia Lapini 2009, e nei successivi lavori del Collettivo.

Ha studiato danza classica e contemporanea con Simona Cieri dei MotusDanza e partecipato a workshop con Giorgio Rossi, Francesca Lettieri e Carolyn Carlson. Ha studiato tra gli altri con Nicolaj Karpov e Natalia Zvereva (del GITIS di Mosca), Peter Clough e Alan Woodhouse (della Guildhall School di Londra), Pierpaolo Sepe, Ugo Chiti. Ha partecipato a seminari con Ascanio Celestini, Massimiliano Civica, Matthew Lenton e i Familie Flöz.

Ha lavorato diretta da Marta Gilmore, Alex Guerra, Lisa Ferlazzo Natoli, Luigi Lo Cascio. Ha scritto, diretto e interpretato Finché morte non mi separi, finalista al Premio Dodici Donne 2011 - ATCL, e FAR-A-DAY.




 
chi siamo | storia | premio scenario | premio scenario infanzia | premio ustica per il teatro | tournees | scenario news | contatti  
  credits