premio scenario infanzia> edizione 2012 > progetti finalisti> L’Organizzazione    
Premio Scenario infanzia 2012 4a edizione  

Premio Scenario Infanzia Edizione 2012
progetti finalisti

>>Giuliano Scarpinato (Palermo)
----La fortuna di Philéas

>>Laura Landi (Firenze)
----Fratelli Applausi

>>OSM Dynamic Acting - Compagnia Teatrale OcchiSulMondo (Perugia)
---- Quando c'era Pippo

>>L’Organizzazione (Roma)
---JOHN TAMMET
fa sentire le persone molto così :-?

>>Babel crew (Palermo)
---- 1, 2, 3... crisi
ovvero la crisi salvata dai ragazzini

>>Mimmo Conte (Potenza)
----Gilgamèsc

>>Roberta Maraini (Torino)
----Niña

>> Eco di fondo (Milano)
----Nato ieri

© Marco Caselli Nirmal

L’Organizzazione (Roma)
JOHN TAMMET
fa sentire le persone molto così :-?


da un’idea di Davide Giordano
con Davide Giordano e Federico Brugnone
regia, scene, costumi, suono Davide Giordano, Federico Brugnone, Daniele Muratore
organizzatore Daniele Muratore
fascia d’età 9-16 anni

Daniele Muratore
via Maddalena, 73 - 66054 Vasto (CH)
cell. 347 6045792
daniele.muratore@gmail.com

 

 





 
>> sfoglia la photo gallery
 

Progetto vincitore Premio Scenario infanzia 2012

DEBUTTO: 9 maggio, Milano - ore 21.15 - Teatro Verdi, via Pastrengo 16 - SEGNALI 2013 Festival Teatro Ragazzi XXIV edizione

Motivazione della Giuria
Un personaggio caratterizzato dalla sindrome di Asperger si rivela portatore di risorse di autenticità, profondità, spunti di riflessione sulla condizione umana. La costruzione del testo drammaturgico diviene al contempo scrittura scientificamente fondata ed esteticamente sapiente, offrendo ai giovani spettatori, attraverso il paradosso della figura del protagonista e del suo amico immaginario, occasione di rispecchiamento e riflessione sulla loro stessa costruzione identitaria ed esistenziale. L’interazione con il pubblico arricchisce l’esperienza teatrale di vivacità, invenzione e interessanti spunti di consapevolezza.

 

Il progetto

John Tammet è un progetto interattivo destinato ai ragazzi di età superiore ai 9 anni. Viste alcune delle tematiche trattate (abbandono, sindrome di Asperger, bullismo) lo spettacolo verrà adattato a seconda dell’età dei ragazzi e del tipo di percorso didattico che sarà possibile effettuare con loro.

C'è chi mente, c'è chi non mente e poi c'è chi non può mentire. Per John Tammet la colpa più grave è mentire, perché soltanto una cosa può accadere in un determinato momento e in un determinato luogo.

Immaginate un mondo chiaro come una tavola matematica, schematico, regolare, da decifrare senza fraintendimenti, senza doppi sensi. John Tammet può memorizzare lunghissime sequenze numeriche ma non è in grado di distinguere la destra dalla sinistra. Può fare calcoli complicatissimi in una frazione di secondo ma non riesce a rapportarsi con altre persone. Per John Tammet l'enigma non è il P greco ma decifrare l’espressione del viso della persona che ha di fronte o quando quest’ultima parla per metafore. La sua vita è scandita da appuntamenti regolari che deve necessariamente rispettare. Il suo è un mondo interiore incapace di relazionarsi con quello esterno; un mondo ricco di particolari eppure semplice.

John Tammet soffre della sindrome di Asperger, una forma di autismo ad alto funzionamento. In 15 anni non è mai uscito dal percorso casa - scuola - scuola - casa. Una notte scopre una verità che cambia la sua vita. John Tammet deve partire, lasciare tutto. Comincia un viaggio che lo porterà lontano.

“... Più conosco gli uomini, più amo le bestie…” (Totò nel film Siamo uomini o caporali?).

FONTI E MATERIALI DI STUDIO

Libri
Fulvio Ervas, Se ti abbraccio non aver paura
Mark Haddon, Lo strano caso del cane ucciso a mezzanotte
Oliver Sacks, L’uomo che scambiò sua moglie per un cappello
Daniel Tammet, Nato sotto un cielo azzurro

Film
Adam, di Max Mayer
Ben X, di Nic Balthazar
Crazy in love, di Peter Naèss
Il mio nome è Khan, di Karan Johar
Oltre il giardino, di Hal Ashby
Pi greco - Il teorema del delirio, di Darren Aronofsky
Rain Man, di Barry Lavinson,
La solitudine dei numeri primi, di Saverio Costanzo

La compagnia

L’Organizzazione è una compagnia composta da tre ragazzi che lavorano in ambito teatrale, cinematografico e televisivo da circa dieci anni in qualità di attori, registi e organizzatori. Da circa due anni si sono avvicinati al teatro ragazzi e subito ne hanno colto la grande potenzialità artistica e lo straordinario valore etico. Credono fortemente che il nuovo teatro debba ripartire specialmente dalle nuove generazioni.

L’Organizzazione è un progetto che nasce tra le mura dell’Accademia nazionale d’arte drammatica Silvio d’Amico da un’idea di Davide Giordano: voler creare un gruppo di ricerca e di sviluppo di idee nell’ambito dell’arte contemporanea.

L’incontro con i suoi compagni di studi, Federico Brugnone e Daniele Muratore, dà il via al progetto.

Dal 2009 L’Organizzazione ha prodotto P di Pinocchio e Figli della città di K.

 
chi siamo | storia | premio scenario | premio scenario infanzia | premio ustica per il teatro | tournees | scenario news | contatti  
  credits